Musei di Rimini

Logo stampa
slideshow
 
  •  
 
 
Sei in: Eventi

TRANSFASHIONAL Nuovo lessico post interdisciplinare tra arte, moda e design

 

Ala Moderna del Museo della Città di Rimini 27.10. 2019 - 06.01.2020
La mostra verrà temporaneamente sospesa alla visione del pubblico dal 2 dicembre sino al 12 dicembre e
sarà nuovamente fruibile a partire dal 12 dicembre 2019 fino al 6 gennaio 2020.


Dal 26-10-2019 al 06-01-2020

TRANSFASHIONAL

TRANSFASHIONAL Nuovo lessico post interdisciplinare tra arte, moda e design a cura di Dobrila Denegri, inaugurata il mese scorso, verrà temporaneamente sospesa alla visione del pubblico dal 2 dicembre sino al 12 dicembre.

Transfashional sarà nuovamente fruibile al pubblico a partire dal 12 dicembre 2019 fino al 6 gennaio 2020.

Manora Auersperg, Linnea Bågander, Naomi Bailey Cooper, Sonja Bäumel, Christina Dörfler Raab, Naomi Filmer, Barbara Graf, Shan He, Milena Heussler, Afra Kirchdorfer, Saina Koohnavard, Kate Langrish Smith, Ulrik Martin Larsen, Maximilian Mauracher, Wojciech Małolepszy & Robert Pludra, Ana Rajčević, Clemens Thornquist, Lara Torres, Aliki van der Kruijs

Sabato 26.10.2019 alle 16.00
Sala Arazzi Museo della Città di Rimini
Incontro con Aliki van der Kruijs a cura di Dobrila Denegri

Come possono la moda e l’arte riflettere le attuali urgenze ambientali, sociali, culturali ed economiche e come possono contribuire a delineare nuovi modelli paradigmatici? Transfashional esplora i modi in cui artisti e stilisti di moda affrontano questi temi.

Iniziato nel 2016, Transfashional si è sviluppato come una piattaforma di ricerca che ha coinvolto figure di spicco, come Hussein Chalayan, Lucy Orta, Naomi Filmer, Clemens Thornquist, José Teunissen e altri ricercatori, insieme ad un gruppo di giovani artisti e designers tra cui Anna-Sophie Berger, Martin Bergström, Minna Palmqvist, Ana Rajčević, Lara Torres già internazionalmente affermati nel mondo dell’arte contemporanea o della moda sperimentale. Come ospite speciale di questa edizione si aggiunge la stilista Olandese Aliki van der Kruijs, edizione che vede come protagonisti anche i noti ricercatori Sonja Bäumel, Barbara Graf, Saina Koohnavard, Ulrik Martin Larsen, Robert Pludra e altri.

Prendendo il formato della mostra in-progress, Transfashional ha sostenuto una serie di nuove produzioni, basate sul principio della collaborazione e co-creazione, coinvolgendo i ricercatori la cui prassi creativa si snoda tra le diverse discipline e supera confini convenzionali che dividono la moda, il design, l’architettura, l’arte e la scienza.

Con la mostra nell’Ala Moderna del Museo della Città di Rimini si conclude un lungo percorso espositivo, che ha attraversato diverse città, come Londra, Varsavia, Vienna, Kalmar e loro istituzioni museali di spicco.

La mostra si presenta come un eterogeneo e coinvolgente insieme di opere che aprono nuovi orizzonti su cosa la moda, nella sua accezione allargata, possa essere o diventare. Qui essa possa essere un modo per raccontare il corpo, le sue trasformazioni e manifestazioni che vanno ben oltre gli imperativi e gli stereotipi imposti dall’industria della moda. Può anche diventare un nuovo linguaggio attraverso cui avviare un processo di riflessione e rielaborazione di tutto quello che la fase storica in cui viviamo, la quarta rivoluzione industriale, rappresenta.

Dunque, un modo per trovare nuovi nessi tra la tradizione artigianale e l’innovazione tecnologica, nonché un modo diverso di concepire i processi di produzione, comunicazione e consumo privilegiando imperativi etici e sostenibili.

Per le generazioni di creativi coinvolti nel progetto Transfashional sono questi i temi principali affrontati nelle loro nuove produzioni, che spesso sovvertono o tralasciano aspetti della funzionalità e utilizzo, favorendo un linguaggio che spinge la moda ad essere critica, concettuale ed impegnata, nonché capace di ispirare il cambiamento del paradigma.

Su questo si basa anche una nuova dimensione didattica ed educativa promossa dai maggiori istituti di formazione, partner del progetto, come l’Università delle Arti Applicate di Vienna, l’Università di Londra - London College of Fashion, l’Università di Borås - Scuola Svedese del Tessuto, l’Accademia delle Belle Arti di Varsavia, la Facoltà del Design e l'Università di Bologna, Dipartimento di Scienze per la Qualità della Vita, corso di laurea magistrale internazionale in Fashion Studies. Per questo, Transfashional si conclude non solo con una esibizione ma anche una pubblicazione che raccoglierà contributi testuali di Dobrila Denegri, Naomi Filmer, Ulrik Martin Larsen, Ute Neuber, Lucy Orta, Robert Pludra, Barbara Putz-Plecko, Simona Segre Reinach, Clemens Thornquist. Il libro racconta la seconda edizione di Transfashional, la quale si pone come un laboratorio di idee e proposte riguardanti la nuova terminologia da creare per poter analizzare e meglio definire le pratiche creativamente ibride che contraddistinguono questo periodo della post-interdisciplinarità.  

Transfashional si è svolto come una serie di appuntamenti espostivi e discorsivi, partendo dall’Università delle Arti Applicate di Vienna, e continuando nel Forum Austriaco di Cultura a Londra, nel Castello Ujazdowski - Centro d’Arte Contemporanea di Varsavia, nel MuseumsQuartier di Vienna, nel Kalmar Art Museum in Svezia, nell’ambito della nuova biennale di moda ad Arnheim State of Fashion, nel London College of Fashion e si conclude con la mostra nei Musei Comunali di Rimini.

Transfashional è stato organizzato in collaborazione con i partner universitari e sostenuto ulteriormente dalla Cancelleria federale austriaca, dal Ministero austriaco degli Affari Esteri e dalla sua rete di Fora Culturali con sedi a Varsavia, Londra e Milano, dall’Ambasciata d´Austria a Stoccolma, dall’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi a Roma e dal Consolato Generale a Milano.

Info:
Ala Nuova del Museo della Città, via L. Tonini 1 Rimini

Orario d’apertura
da martedì a sabato 9.30-13.00/16.00-19.00
domenica e festivi  10-19

Photo credit: Linnea Bågander in collaboration with choreographer Nicole Neidert, “Skinning/True Mesh/16:9/full time texture”, 2019